Benvenuti alla XXI Ronde delle Zolfare – manifestazione nazionale turistico culturale titolata ASI con rilevamenti di passaggio per auto storiche

Cari amici,

benvenuti alla nostra XXI Ronde, un mixer di cultura, sport e passione, finalizzata alla riscoperta e valorizzazione del nostro territorio, promozione del magico mondo dell’auto storica, bene culturale da sempre protagonista dell’evoluzione tecnica e del design, simbolo di crescita della società.

Quest’anno la manifestazione si svolgerà nei giorni di sabato 12 e domenica 13 maggio p.p.v.v. nell’entroterra del Nisseno, dal capoluogo verso la cittadina di Mazzarino per concludersi nella campagna Buterese.

Nella giornata di sabato sarà protagonista il centro storico di Caltanissetta con la visita del Museo d’Arte contemporanea, il Teatro Regina Margherita ed il Museo delle “Vare”, gruppi sacri che sfilano il giovedì santo; si concluderà con la cena conviviale presso il Ristorante “900”.

Nella giornata di domenica la manifestazione proseguirà con la visita alla cittadina di Mazzarino, perla del barocco siciliano della provincia nissena per la bellezza del suo centro e dei suoi beni monumentali. Si proseguirà con la visita all’antico baglio del feudo Principi di Butera, nella campagna di Butera con le sue cantine (area di vinificazione – affinamento); seguirà una degustazione di vini con abbinamenti gastronomici di piatti tipici siciliani. Concluderà la manifestazione la premiazione e il saluto dei partecipanti.

Insieme trascorreremo un piacevole weekend ricco di testimonianze storico-culturali tra i tipici colori del paesaggio dell’interno isolano e della sua campagna. La Vostra partecipazione sarà, come sempre, stimolo all’optimum, per il raggiungimento del giusto equilibrio tra sport e conoscenza di un Territorio ricco di storia, monumenti, cultura e tradizione.

Vi aspettiamo nel segno della nostra comune passione: l’auto storica.

Cordialmente,

                                                                                                                                                        Il Presidente

                                                                                                                                                                            Vincenzo Calandruccio